Back to top
Loading…
emuca - vida en los muebles

Si elimina questo carrello. Sei sicuro

In attesa di accedere all'area private Emuca - Vida en los muebles

Gestione dei rifiuti

Impegno di EMUCA con un'adeguata gestione dei rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) e batterie e accumulatori

Da anni, EMUCA ha un impegno con l'ambiente e, quindi, riduce al minimo l'impatto ambientale di tutte le sue attività. In questo modo, contribuisce allo sviluppo sostenibile, sul quale ha scommesso sin dai suoi inizi.

Al giorno d'oggi i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, così come pile e accumulatori, creano un importante problema ambientale, sia per l'elevato volume in cui sono prodotti, sia per la loro pericolosità in molti casi.

Risulta imprescindibile rispettare le norme che disciplinano la gestione di questi rifiuti e il coinvolgimento di tutti gli agenti coinvolti nella catena del valore per garantirne la raccolta differenziata ed un trattamento specifico. Solo in questo modo possiamo garantire un'adeguata tutela della salute e dell'ambiente contro l'abbandono o la gestione inadeguata di questi rifiuti, e allo stesso tempo se ne ottiene la preparazione per il riutilizzo e il riciclo, restituendo i dispositivi o i materiali recuperati al ciclo economico e raggiungendo l'obiettivo di un’Economia Circolare.

La normativa stabilisce una serie di obiettivi per la raccolta annuale di questi rifiuti, sia a livello nazionale che comunitario, che potranno essere raggiunti solo se si dispone di informazioni sufficienti sugli obblighi di ciascun agente economico e sui canali disponibili agli utenti per smaltire correttamente questi rifiuti.

Per questi motivi, EMUCA riporta di seguito i principali obblighi delle normative vigenti, in particolare quelle che potrebbero interessare i nostri clienti e gli utenti dei nostri prodotti.

Infine, viene indicato il modo in cui tale normativa influisce su EMUCA e come la nostra azienda rispetta tutti i requisiti di legge.

 

Rifiuti di batterie ed accumulatori

Il Regio Decreto 106/2008, del 1 febbraio, concernente le pile e gli accumulatori e la gestione ambientale dei relativi rifiuti, ha introdotto nel nostro Ordinamento la Direttiva 2006/66/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 settembre 2006, relativa batterie e accumulatori, rifiuti di batterie e accumulatori e ha elaborato, inoltre, le prescrizioni stabilite nella Legge 10/1998 sui Rifiuti e Suoli Contaminati.

Questa norma è stata modificata dal Regio Decreto 710/2015, del 24 luglio, che recepisce nell’ordinamento nazionale la Direttiva 2013/56/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 20 novembre 2013, con la quale viene modificata la Direttiva 2006/66/CE e adegua la normativa regolamentare all'attuale Legge 22/2011 sui Rifiuti e sui Suoli Contaminati.

Il presente regolamento si applica a tutti i tipi di pile e batterie, sia portatili che industriali e di automazione.

Per una corretta gestione di questi rifiuti, il regime stabilito si articola attraverso le seguenti linee fondamentali:

• I responsabili della prima immissione sul mercato di questi prodotti (fabbricanti, importatori, ecc.), considerati "produttori", devono iscriversi in una sezione specifica del Registro Integrato Industriale e dichiarare trimestralmente le pile e batterie che immettono sul mercato.

• I produttori dovranno stabilire e finanziare sistemi per la raccolta differenziata di questi rifiuti in modo diversificato rispetto al resto dei rifiuti domestici, garantendone la gestione specifica attraverso gestori autorizzati. Tutto questo in forma completamente gratuita per l'utente finale ed allo scopo di raggiungere gli obiettivi di raccolta e gestione che contraddistinguono la Direttiva Europea e le normative nazionali.

• In questo modo l'utente finale dispone di una rete di centri di raccolta pubblici e messi a disposizione dai Sistemi Collettivi di Responsabilità Estesa del Produttore (precedentemente denominati Sistemi di Gestione Integrati o SGI), attraverso i quali i produttori adempiono ai loro obblighi di gestione ed al loro finanziamento.

• In ogni caso, al momento della fornitura di pile o accumulatori portatili, i distributori di questi prodotti saranno obbligati ad accettare, a titolo gratuito per il possessore o utente finale, la restituzione di pile e accumulatori portatili usati. Se questi distributori fanno parte di una delle reti di raccolta, l'utente potrà disfarsi di questo tipo di rifiuti gratuitamente senza doverne acquistare uno nuovo.

Tutte le pile, batterie e accumulatori sono contrassegnati con il simbolo del contenitore barrato che ricorda l'obbligo di smaltirli separatamente dal resto dei rifiuti domestici, in contenitori specifici.

Quando le pile o batterie sono incorporate in un dispositivo elettrico o elettronico, l'utente finale, prima di smaltire il dispositivo, dovrà rimuovere preventivamente le pile e le batterie (laddove non sia necessario l’intervento di un professionista qualificato) e depositare ogni tipo di rifiuto nel suo specifico contenitore. Le istruzioni del dispositivo dovranno contenere informazioni sul tipo di pile o batterie incorporate e le istruzioni per la loro rimozione.

 

Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE)

Il Regio Decreto 110/2015, del 20 febbraio, sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, introduce nell’Ordinamento giuridico spagnolo la Direttiva 2012/19/UE, del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 4 luglio; include le novità della Legge 22/2011, del 28 luglio; e abroga il precedente Regio Decreto 208/2005, sulle apparecchiature elettriche ed elettroniche e la gestione dei loro rifiuti.

Questo regolamento impone principalmente ai produttori di questi dispositivi (responsabili della loro prima immissione sul mercato spagnolo) l'obbligo di organizzare la gestione dei RAEE e di finanziarla, insieme ad altri obblighi che possono rispettare attraverso Sistemi Individuali o Sistemi Collettivi di Responsabilità Estesa del Produttore autorizzati. Ogni anno, il Ministero competente stabilisce per ciascun Sistema i propri obiettivi minimi di raccolta differenziata di RAEE per categorie.

Il raggiungimento di questi obiettivi richiede, da parte degli altri agenti coinvolti (Enti locali, distributori, gestori e utenti finali), la collaborazione e il rispetto degli obblighi che a ciascuno di essi impone la presente normativa.

EMUCA informa tutti i propri clienti che, con l'entrata in vigore del Regio Decreto 110/2015, del 20 febbraio, sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, sono stati stabiliti i seguenti principali obblighi in termini di raccolta dei RAEE a carico della distribuzione:

• I distributori che offrono la vendita sia in negozio che su Internet di dispositivi elettrici ed elettronici (elettrodomestici, apparecchiature informatiche, televisori, telefoni cellulari, ...) devono ritirare gratuitamente i vecchi dispositivi, sostituiti da quelli nuovi acquistati (proporzione 1 a 1), anche quando l'apparecchio viene consegnato a casa.

• Nel caso in cui il RAEE non venga consegnato al momento dell'acquisto del nuovo dispositivo, il distributore deve indicare per iscritto all’acquirente il termine massimo per la sua consegna, che non potrà essere inferiore a 30 giorni naturali.

• Il venditore progetterà la sua formula di ritiro gratuito per l'acquirente a domicilio o presso il punto di consegna e lo indicherà chiaramente sul suo sito web.

• Nel caso in cui il negozio abbia una superficie minima di 400 m2, o l'area destinata alla vendita di detti apparecchi sia di quella superficie o superiore, dovrà anche fornire gratuitamente la raccolta di RAEE molto piccoli (nessuna dimensione esterna superiore a 25 cm) senza l'obbligo di acquistare un dispositivo di tipo equivalente.

Sono i distributori di AEE domestici agli utenti finali che devono garantire questa raccolta differenziata ai loro clienti. I RAEE ritirati dalla distribuzione dovranno essere adeguatamente trattati. A tal fine, il distributore può scegliere di organizzare direttamente la gestione mediante responsabili autorizzati o richiedere la raccolta e la gestione a un Sistema Collettivo di Responsabilità Estesa del Produttore.

Questi sistemi possono essere consultati sul sito web del Ministero spagnolo dello Sviluppo Economico e nella Transizione Ecologica (Ambiente).

Tutti gli AEE soggetti a questa normativa sono identificati con il simbolo del contenitore dei rifiuti barrato, che richiede all'utente finale di smaltire i RAEE in maniera differenziata, separati dal resto dei rifiuti domestici, depositandoli negli appositi contenitori dei centri di raccolta, gestori autorizzati, distributori o rete di raccolta dei Sistemi Collettivi di Responsabilità Estesa del Produttore.

 

In che modo EMUCA rispetta questa normativa

EMUCA mette sul mercato spagnolo apparecchiature elettriche ed elettroniche e rispetta i requisiti per garantire l'organizzazione e la gestione dei rifiuti corrispondenti, in conformità con il Regio Decreto 110/2015, del 20 febbraio, sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. A tale scopo:

• Figura iscritta come produttore di AEE nella sezione speciale dei produttori di apparecchiature elettriche ed elettroniche del Registro Industriale Integrato (RII-AEE) con il numero 6817.

• Rispetta collettivamente i suoi obblighi di gestione e finanziamento attraverso la Fondazione ECOTIC, un Sistema Collettivo di Responsabilità Estesa del Produttore autorizzato su tutto il territorio nazionale.

EMUCA commercializza i suoi prodotti esclusivamente per la distribuzione B2B, mai per gli utenti finali. Pertanto, non ha l'obbligo di ritirare i rifiuti domestici per la sua attività di vendita online. L'obbligo di ritirare gratuitamente i RAEE per l'utente finale presso il domicilio o il punto di consegna all'acquisto di un nuovo dispositivo spetterà al distributore che commercializza questi prodotti. Pertanto, l'utente finale dovrà verificare queste informazioni sul suo sito web.

Tuttavia, ricordiamo agli utenti l'importanza della gestione differenziata di questi rifiuti e del loro smaltimento in contenitori specifici. Oltre ai canali di raccolta della distribuzione, questi RAEE domestici potranno anche essere smaltiti in un’isola ecologica. Al seguente link puoi trovare l'elenco delle isole ecologiche per la raccolta differenziata dei RAEE, distribuiti in tutta la Spagna e gestiti dalla Fondazione ECOTIC.

Allo stesso modo, EMUCA mette sul mercato prodotti che incorporano pile, accumulatori o batterie, rispettando anche tutti i requisiti del Regio Decreto 106/2008, del 1 febbraio, sulle pile e sugli accumulatori, e la gestione ambientale dei loro rifiuti e rispettando gli obblighi che la norma impone ai produttori.

 

A tale scopo:

• Figura iscritta come produttore di pile e batterie nella sezione speciale dei produttori di pile e accumulatori del Registro Industriale Integrato (RII-PYA) con il numero 1813.

• Rispetta collettivamente i suoi obblighi di gestione e finanziamento attraverso la Fondazione ECOPILAS, un Sistema Collettivo di Responsabilità Estesa del Produttore autorizzato su tutto il territorio nazionale.

EMUCA non distribuisce pile, accumulatori o batterie e non è obbligata ad accettare la restituzione dei relativi rifiuti. Se sei l'utente finale di un prodotto EMUCA che contiene pile o accumulatori, dovrai verificare i sistemi di raccolta differenziata offerti dal tuo distributore (nel tuo caso, sul suo sito di vendita online) e procedere alla rimozione delle pile o delle batterie secondo le istruzioni per l'uso, se indicano che è possibile effettuare tale operazione senza l'intervento di un professionista. Successivamente, i rifiuti di pile, accumulatori e batterie dovranno essere smaltiti negli appositi contenitori.

Oltre ai sistemi di raccolta della distribuzione, come utente finale, potrai recarti presso i centri per la raccolta differenziata.

Inoltre, puoi recarti presso i punti di raccolta gratuita stabiliti da ECOPIALS (il sistema autorizzato di EMUCA).